Home    Lista RSU    Guida Sindacale    Accordi Importanti    Indici Tematici    Storico    Contattaci    Iscriviti    Sindacati    Ricerca

Da: Occupazione, forza lavoro, scorpori, trasferimenti

TRATTATIVA IN ASSOLOMBARDA

L'incontro di oggi Ŕ stato incentrato sulla verifica della disponibilitÓ aziendale a esplorare soluzioni aggiuntive alla procedura di mobilitÓ che consentano di evitare separazioni traumatiche del rapporto di lavoro.
Il Coordinamento Nazionale e le Organizzazioni Sindacali hanno proposto le seguenti soluzioni:

  1. Utilizzo dell' art. 4 della legge Fornero che prevede l'accompagnamento alla pensione dei lavoratori pi¨ anziani; in sintesi esso prevede:
    • pagamento da parte dell'Azienda, fino a 4 anni, di un ammontare equivalente alla pensione cui teoricamente il dipendente avrebbe diritto;
    • versamento all'INPS a carico di IBM della contribuzione complessivamente dovuta;
    • deposito di una fideussione da parte di IBM a garanzia della contribuzione dovuta.
  2. Contratto di solidarietÓ: questo strumento prevede una riduzione d'orario, la cui retribuzione Ŕ compensata all'80% dall'INPS.
  3. Ponte generazionale (solo in Lombardia): consiste nella trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a parziale con corrispondente riduzione della retribuzione e definizione della data di cessazione del rapporto di lavoro; il delta contributivo che sarebbe perso viene versato all'INPS dalla Regione Lombardia.
  4. Verifica della possibilitÓ di reimpiegare personale dichiarato in esubero in altri reparti e mansioni, fornendo l'adeguata formazione professionale.

Rimane ferma, per il Sindacato, la possibilitÓ di utilizzo della mobilitÓ volontaria per quei colleghi che dovessero essere interessati, con particolare riferimento a chi la ritenesse utile per il raggiungimento della pensione pubblica. E' stata inoltre ribadita l'opportunitÓ di verificare l'effettiva necessitÓ delle consulenze esterne di cui IBM si avvale, con la finalitÓ di un maggiore utilizzo delle risorse interne.

La Direzione Aziendale, premesse le rispettive e opposte posizioni sull'effettiva necessitÓ della procedura di mobilitÓ, ha dichiarato di essere disponibile a recepire la proposta di analizzare e approfondire le proposte del Sindacato.

Pertanto, le parti hanno convenuto sulla costituzione di una commissione tecnica mista che si riunirÓ i prossimi 30 maggio e 6 giugno. Il Coordinamento Nazionale ha indicato nell'Esecutivo la propria componente.
Il confronto proseguirÓ il giorno 11 giugno presso la sede di Assolombarda per esaminare i risultati del lavoro della Commissione e valutare come concludere il negoziato.

Il Sindacato ha anche evidenziato comportamenti aggressivi da parte di alcuni manager in occasione di colloqui personali finalizzati a proporre incentivi all'esodo.

Il Coordinamento Nazionale e le Organizzazioni Sindacali, pur ritendo positiva la disponibilitÓ alla verifica, probabilmente favorita anche dalla partecipazione dei lavoratori alle assemblee, continuano a essere seriamente preoccupati dall'enfasi che l'Azienza continua a porre sulla necessitÓ della riduzione di personale, considerando questo il primo costo da tagliare.

Il Coordinamento Nazionale e le Organizzazioni Sindacali continueranno a tenere informati i lavoratori sull'evoluzione del difficile confronto in corso, avvisandoli fin d'ora che potrebbe rendersi necessaria una forte mobilitazione a sostegno della proposte del Sindacato.

Milano, 23/5/2013

Coordinamento Nazionale R.S.U. IBM Italia S.p.A.